Sanzioni Gestione Rifiuti

DECRETO LEGISLATIVO N.152 DEL 3 aprile 2006 - ABBANDONO E GESTIONE RIFIUTI

CONDOTTA

ART. VIOLATO

ART. SANZIONE

SANZIONE PRINCIPALE

SANZIONE ACCESSORIA

COMPETENZA

Omessa, incompleta o inesatta comunicazione MUD

189 c. 3

258 c. 1

Amministrativa da €. 2.600 a €. 15.500

(PMR € 5.166)

PROVINCIA

Comunicazione MUD effettuata entro i 60 giorni dalla scadenza prevista

189 c. 3

258 c. 1

Amministrativa da €. 26 a €. 160

(PMR € 52)

PROVINCIA

Comunicazione MUD formalmente incompleta o inesatta ma ricostruibile da altre scritture contabili

189 c. 3

258 c. 5

Amministrativa da €. 260 a €. 1.550

(PMR € 516)

PROVINCIA

Omessa od incompleta tenuta dei REGISTRI di Carico/Scarico per rifiuti NON PERICOLOSI in imprese con 15 o più dipendenti

190 c. 1

258 c. 2

Amministrativa da €. 2.600 a €. 15.500

(PMR € 5.166)

PROVINCIA

Omessa od incompleta tenuta dei REGISTRI di Carico/Scarico per rifiuti PERICOLOSI in imprese con 15 o più dipendenti

190 c. 1

258 c. 2

Amministrativa da €. 15.500 a €. 93.000

(PMR € 31.000)

Sospensione da 1 mese a 1 anno dalla carica rivestita dal responsabile e dalla carica di amministratore

PROVINCIA

Omessa od incompleta tenuta dei REGISTRI di Carico/Scarico per rifiuti NON PERICOLOSI in imprese con meno di 15 dipendenti

190 c. 1

258 c. 3

Amministrativa da €. 1.040 a €. 6.200

(PMR € 2.066)

PROVINCIA

Omessa od incompleta tenuta dei REGISTRI di Carico/Scarico per rifiuti PERICOLOSI in imprese con meno di 15 dipendenti

190 c. 1

258 c. 3

Amministrativa da €. 2.070 a €. 12.400

(PMR € 4.133)

PROVINCIA

Tenuta dei REGISTRI dei Carico/Scarico con dati formalmente incompleti o inesatti ma comunque ricostruibili da altre scritture contabili

190 c. 1

258 c. 5

Amministrativa da €. 260 a €. 1.550

(PMR € 516)

PROVINCIA

REGISTRI di Carico e Scarico non presenti e/o conservati presso la sede dell’impianto di produzione/gestione

190 c. 3

258 c. 5

Amministrativa da €. 260 a €. 1.550

(PMR € 516)

PROVINCIA

FORMULARI non conservati e allegati ai Registri di C/S presso la sede dell’impianto di produzione/gestione

193 c. 2

258 c. 5

Amministrativa da €. 260 a €. 1.550

(PMR € 516)

PROVINCIA


CONDOTTA

ART. VIOLATO

ART. SANZIONE

SANZIONE PRINCIPALE

SANZIONE ACCESSORIA

COMPETENZA

Trasporto di rifiuti non pericolosi senza formulario di identificazione dei rifiuti previsto da art.193

Art. 193 c. 1/2

Art. 258 c. 4 prima parte, prima ipotesi

Amministrativa da € 1.600 a

€ 9.300

(PMR € 3.100)

PROVINCIA

Trasporto di rifiuti pericolosi senza formulario di identificazione dei rifiuti FIR

Art. 193 c. 1

+

Art 258 c. 4

secondo capoverso

Art. 483 C.P.

(richiamo quoad poenam)

Penale con Reclusione fino a 2 anni (pena prevista dall’art.483 CP)

Oblazione non ammessa

Art. 259 c. 2

Con la sentenza di condanna o di “patteggiamento”, il giudice dispone obbligatoriamente la confisca. Obbligo del sequestro da parte PG operante.

Autorità Giudiziaria

(Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario)

Trasporto di rifiuti non pericolosi con FIR incompleto o inesatto

Art. 193 c.1/2

Art 258 c. 4 prima parte, seconda ipotesi

Amministrativa da € 1.600 a

€ 9.300

(PMR € 3.100)

PROVINCIA

Trasporto di rifiuti non pericolosi con FIR incompleto o inesatto ma contenente tutte le informazioni per ricostruire gli elementi mancanti

Art. 193 c.1/2

Art 258 c. 5

secondo capoverso

Amministrativa da € 260 a € 1.550

(PMR € 516)

PROVINCIA

Trasporto di rifiuti pericolosi con indicazioni di dati incompleti o inesatti nel formulario

(Non si applica l’ipotesi minore prevista dall’art.

258 c. 5)

Art. 193 c. 1

+

Art 258 c. 4

secondo capoverso

Art. 483 C.P.

(richiamo quoad poenam)

Penale con Reclusione fino a 2 anni (pena prevista dall’art.483 CP)

Oblazione non ammessa

Art. 259 c. 2

Con la sentenza di condanna o di “patteggiamento”, il giudice dispone obbligatoriamente la confisca. Obbligo del sequestro da parte PG operante.

Autorità Giudiziaria

(Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario)

CONDOTTA

ART. VIOLATO

ART. SANZIONE

SANZIONE PRINCIPALE

SANZIONE ACCESSORIA

COMPETENZA

False indicazioni nella predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti (natura e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei rifiuti)

o

uso di certificato falso durante il trasporto

Art 258 c. 4

terzo capoverso parte prima

Art 258 c. 4

terzo capoverso seconda parte

Art. 483 C.P.

(richiamo quoad poenam)

Penale con Reclusione fino a 2 anni (pena prevista dall’art.483 CP)

Oblazione non ammessa

Art. 35 C.P.

Art. 259 c. 2

Con la sentenza di condanna o di “patteggiamento”, il giudice dispone obbligatoriamente la confisca. Obbligo del sequestro da parte PG operante.

Autorità Giudiziaria

(Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario)

Traffico illecito di rifiuti (Spedizione di rifiuti costituente traffico illecito ai sensi dell’art. 26

Reg. CEE 259/93 del Consiglio del 1.2.93, o spedizione di rifiuti elencati nell’allegato II del citato regolamento in violazione dell’art. 1 c. 3 lettere a), b), c) e d), del reg. stesso)

Art. 1,

Art. 26 del Reg. CEE 259/93 del Consiglio 1.2.93

Art 259 c. 1

in relazione Art. 1,

Art. 26 del Reg. CEE 259/93 del Consiglio 1.2.93

Penale con Arresto fino a 2 anni e ammenda da 1.550 euro a 26.000 euro

Oblazione non ammessa

Pena aumentata per i rifiuti pericolosi

Con la sentenza di condanna o di “patteggiamento”, il giudice dispone obbligatoriamente la confisca. Obbligo del sequestro da parte PG operante.

Autorità Giudiziaria

(Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario)

Attività organizzative per il traffico illecito di rifiuti (Chiunque al fine di conseguire un ingiusto profitto attraverso l’allestimento di mezzi e attività continuative organizzate, cede, riceve, trasporta, esporta, importa o comunque gestisce abusivamente ingenti quantitativi di rifiuti)

Art. 260

Penale con Reclusione da uno a sei anni.

Oblazione non ammessa

Pena aumentata per i rifiuti radioattivi (con reclusione fino a 8 anni).

Con la sentenza di condanna interdizione obbligatoria dai pubblici uffici, da professioni e d’arti e interdizione temporanea dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese, incapacità di contrarre con la PA.

Autorità Giudiziaria

(Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario)



CONDOTTA

ART. VIOLATO

ART. SANZIONE

SANZIONE PRINCIPALE

SANZIONE ACCESSORIA

COMPETENZA

Abbandono o deposito in modo incontrollato i propri rifiuti (non pericolosi/ pericolosi) sul suolo, nel sottosuolo o immissione nelle acque, da parte di privato

Art. 192 comma 1 o 2

Art 255 c. 1 (abbandono o deposito)

in rel. Art. 192 c. 1

Amministrativa da

€ 105 a € 620

(PMR € 206)

Ipotesi minore per abbandono di rifiuti non pericolosi e non ingombranti sul suolo da € 25 a € 155

(PMR € 50)

Art. 192 comma 3

Obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all’avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull’area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa

PROVINCIA/COMUNE

Il Sindaco dispone con Ordinanza le operazioni a tal fine necessarie e il termine entro cui provvedere, decorso il quale procede all’esecuzione in danno dei soggetti obbligati e al recupero delle somme anticipate.

Per omessa ottemperanza all’ordinanza è prevista la sanzione penale di cui all’art. 255, 3° comma (arresto fino ad un anno). Con la sentenza di condanna il beneficio della sospensione condizionale della pena può essere subordinato alla esecuzione di quanto stabilito nell’ordinanza e/o contenuto sostanzialmente nell’obbligo stesso non attuato

Abbandono o deposito incontrollato sul suolo, nel sottosuolo o immissione nelle acque di rifiuti non pericolosi da parte di Titolare di impresa o responsabile di Ente

Art. 192 c. 1 o 2

Art. 256 c. 2

in relazione alla pena di cui all’art. 526 c. 1 lett. a)

Penale con Arresto da 3 mesi ad un anno oppure ammenda da

€ 2.600 a € 26.000

Oblazione ammessa

(½ € 26.000)

Art. 192 comma 3

Obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all’avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull’area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa

Autorità Giudiziaria

(Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario)

idem come sopra per Ordinanza

Abbandono o deposito incontrollato sul suolo, nel sottosuolo o immissione nelle acque di rifiuti pericolosi da parte di Titolare di impresa o responsabile di Ente

Art. 192 c. 1 o 2

Art. 256 c. 2

in relazione alla pena di cui all’art. 256 c. 1 lett. b)

Penale con Arresto da 6 mesi a due anni e ammenda da

€ 2.600 a € 26.000

Oblazione non ammessa

Art. 192 comma 3

Obbligo a carico del soggetto autore dei fatti di procedere alla rimozione, all’avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull’area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa

Autorità Giudiziaria

(Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario)

idem come sopra per Ordinanza

Categorie di rifiuti trattati

  • Rifiuti ospedalieri
  • Liquidi e Solidi
  • Espurgo fogne
  • Apparecchi elettronici
  • Liquidi chimici
  • Farmaci scaduti
  • Amianto & Linoleum
  • Lana di roccia
  • Guaine bituminose
  • Materiali edili
  • Pneumatici
  • Olii esausti
  • Materiali filtranti
  • Lampade - Neon
  • Batterie esauste